Ho deciso di non comprare più..

Ciao a tutti come state?

È un po che meditavo di scrivere questo articolo, quindi eccomi qui.

HO DECISO DI NON COMPRARE PIÙ NESSUN PRODOTTO PER CAPELLI EXTRA.

Ho visto che per me è la mia haircare routine basta: shampoo, balsamo e/o maschera.

Ho dei capelli colorati, ricci e grossi.

Perché ho deciso questo?

Ho notato che il più delle volte mi dimentico di usare questi prodotti extra ed in più tante volte la performance ed il risultato finale non mi convincono più di tanto.

Quindi non comprerò più scrub per il cuoio capelluto (ne ho usato solo uno, quello di Alkemilla) perché è un prodotto sicuramente non indispensabile, un passaggio in più che sotto la doccia mi porta via tempo e il più della volte mi dimenticavo di fare, è stato un prodotto carino da provare ma non cambiava l’effetto finale della mia chioma.

Non comprerò più mousse, oli e tutti i prodotti vari per lo styling, negli anni ho comprato diversi prodotti di questa tipologia per poi accorgermi che il più della volte mi dimentico di usarli o magari le prime volte hanno performance ottime ma a lungo andare non mi convincono più e come sappiamo per finire prodotti di questo tipo ci vogliono veramente anni. A volte mi rendo conto che mi appesantiscono i capelli e me li rendono più “duri”.

Non ho mai usato termoprotettori anche perché se posso uso il meno possibile anche il phon e quindi non inizierò ora.

Continuerò ad andare dal parrucchiere circa due-tre volte l’anno, taglio i capelli una volta l’anno e poi quando vado mi faccio fare anche la tinta, non voglio di certo rinunciare a questa coccola.

Per il resto faccio la tinta circa un mese si ed uno no, ho della amiche fantastiche che mi aiutano in questo perché ho una massa enorme di capelli che non riuscirei a farlo da sola, basta pensare che a volte due confezioni di tinta non bastano.

Continuerò a fare qualche trattamento preshampoo per idratare i capelli, ma cercherò di farlo con prodotti che ho già in casa preferendo prodotti due in uno (come ad esempio le maschere per capelli) ad altri.

Nelle scorte possiedo ancora alcuni di questi prodotti quindi li utilizzerò ma una volta finiti non ne comprerò più!

Cosa ne pensate?

Un bacio

5 cose che non possiedo (di cui non sento la mancanza)

Ciao a tutti in questi giorni di quarantena ho fatto diverso decluttering in varie zone della casa e nonostante questo mi sembra di avere casa invasa da oggetti.

Solo ieri sistemando i due balconi ho fatto 4 sacchetti di spazzatura.

Oggi però mi voglio soffermare su degl’oggetti che molti hanno in casa e reputano vitali che però io non possiedo e non ne sento la mancanza.

Ovviamente non sono qui a dire che quello che faccio io sia giusto e il resto sia sbagliato ma questo è solo il mio punto di vista.

Iniziamo..

1- non possiedo un computer. Non ne sento l’esigenza, tutto quello che devo fare lo riesco a fare con telefono e tablet quindi sto bene così.

2- non possiedo una piastra per capelli. Ho i capelli ricci e mi piacciono molto così. Li faccio lisci quelle 4 volte l’anno che vado dalla parrucchiera.

3- non possiedo l’asciugatrice. Non mi serve, ho un bel balcone e uno stendino. D’inverno lo metto un po’ vicino ai termosifoni e anche se ci vuole un paio di giorni per asciugare i panni va bene così.

4- non possiedo trucchi per il viso. Semplicemente non trucco il viso ma trucco solo occhi e labbra. Ho solo una bbcream e un correttore che non uso praticamente mai.

5- non possiedo orologi da polso. Non ne uso da almeno 10 anni.

Quali sono gli oggetti che tutti possiedono e voi no, di cui non sentite la mancanza? Ne sono molto curiosa, vi aspetto nei commenti.

Un bacio

Decluttering in cinque minuti

Ciao a tutti dopo una settimana di ferie torno super attiva con i miei tre articoli a settimana.

Oggi parliamo di decluttering.

Questo articolo è stato ispirato da Valentina di L’angolo del focolare, ho visto uno dei suoi ultimi video in cui racconta dieci facili occasioni per fare decluttering in pochi minuti https://youtu.be/58J253nDuf8

Ho deciso di mettere subito in pratica l’ultimo consiglio, chiamato da lei “cose in casa” in cui diceva di prendere un cesto e raccogliere tutte le cose per la casa che stavano in posti dove non dovevano stare e decidere se dargli un posto o declutterarle.

Questo è stato il risultato :

Ho incominciato proprio da questa scatola che tenevo sotto il fasciatoio e che rimandavo sempre a sistemare, una volta vuota ho deciso di usare proprio questa come cesta per il mio declutter e questo è tutto quello che ho trovato facendo un giro di 10 minuti per casa.

In ultimo ho deciso di sistemare il cestino delle caramelle eliminando caramelle che sono diventate troppo dure, qualcosa di scaduto e qualcosa che non avevo più voglia di vedere nel cestino.

Ho deciso di fare questa cosa una volta a settimana e vedere se trovo qualcosa da eliminare. In casa abbiamo talmente tante cose inutili che neanche ce ne accorgiamo.

Voi fate decluttering con costanza?

Io mi ci voglio impegnare.

Un bacio

Nuove abitudini

Ciao a tutti oggi vorrei raccontarvi tutte le mie nuove abitudini che mi fanno sentire meglio, più organizzata e tranquilla con me stessa.

Alcune sono delle cose molto semplici che però, mi hanno permesso di creare una routine fatta su misura per me e la mia famiglia.

La prima cosa che sto amando fare è fare la lista delle attività che ho da svolgere durante la giornata. Questa lista la scrivo sulla mia agenda (una semplice agenda giornaliera che ho comprato da Tiger per 4€) una volta svolta quella determinata attività la evidenzio e questo mi crea soddisfazione.

Nella mia giornata cerco sempre di ritagliare in ora da dedicare alle pulizie della casa (arriverà un articolo apposta su come mi organizzo con le pulizie). In quest’ora cerco di non distrarmi per fare quante più cose possibili.

Una mia grande passione e sempre stata la lettura, ma, avendo una bambina piccola il tempo da dedicare alla lettura si è notevole ridotto, siccome non ci voglio rinunciare ho trovato il momento giusto anche per questo e principalmente leggo nel pomeriggio quando lei fa il riposino.

Mi accorgo che il gusto in fatto di libri nell’ultimo periodo è cambiato, infatti sto preferendo sempre più libri sulla crescita personale.

Un’altra abitudine che per molti può sembrare banale, ma che io non ho mai avuto è quella di scegliere un giorno fisso alla settimana per andare a fare la spesa alimentare. Nel mio caso è il venerdì perché è il giorno in cui non lavoro. Facendo così posso organizzare una sorta di menù settimanale.

Ultima cosa su cui ho cambiato prospettiva sono le cene fuori casa. Ho deciso infatti, che andrò a cena fuori solo una volta a settimana anche per un fattore di risparmio.

Queste sono tutte le cose che ho cambiato nell’ultimo periodo, che ne pensate? Voi avete della routine che vi fanno stare bene?

Un bacio

Verso un obiettivo

Ciao a tutti, oggi vorrei un po’ tirare le somme di questi prima tre mesi dell’anno.

Mi sono avvicinata al minimalismo e allo stile di vita zero waste, ovviamente avendo appena iniziato il mio percorso, la strada è ancora molto lunga.

Oggi vorrei provare a vedere tutte quelle piccole/grandi cose che sono riuscita a fare finora percorrendo i vari ambiti di vita quotidiana e le mie varie passioni.

Abbigliamento: in questo ambito sono molto migliorata in questi ultimi anni quindi non è stato un miglioramento netto, quest’anno sono molto contenta di aver fatto un vero decluttering non sono ancora arrivata ad avere un guardaroba a capsula ma ho eliminato parecchi capi che non mettevo più. Sono soddisfatta perché in questi tre mesi ho comprato solo un paio di sneakers

Libri: la lettura è sempre stata una mia grande passione quindi in casa possiedo tanti libri e molti dei quali non li ho ancora letti quindi per il momento non ho comprato altri libri. Mi piace molto il libro fisico, sfogliare le pagine ma voglio provare ad utilizzare di più il Kindle (che già possiedo) per continuare questo percorso di minimalismo.

Cancelleria: mi è sempre piaciuto decorare l’agenda con tutto quello che potevo quindi ho molti stickers, molti washi tape, evidenziatori, pennarelli, penne colorate e così via ma da inizio anno ad adesso non ho comprato niente perché possiedo davvero tante cose e ho deciso di utilizzare quello che ho, sono felice così.

Biancheria per la casa: in questi tre mesi ho comprato due set di asciugamani che ancora non ho mai usato quindi era una spesa che mi potevo tranquillamente evitare, farò di meglio in futuro.

Candele: mi posso ritenere molto soddisfatta non avendo comprato neanche una candela quest’inverno ma ho usato quello che già possedevo. Nonostante tutto in questa categoria ho avuto delle entrate grazie a dei regali.

Riviste: un buon proposito per quest’anno era quello di non comprare più riviste con gli omaggi e per il momento devo dire che ci sto riuscendo, ho comprato solo una rivista perché avevo un viaggio in treno da fare e così mi ha fatto compagnia un giornale da sfogliare.

Fin qui mi posso ritenere molto soddisfatta dei passi che ho fatto, ma ora veniamo alle due categorie dove devo fare ancora molta strada: tisane e beauty.

Tisane: ultimamente ne sto bevendo davvero tante quindi ne ho smaltire un bel po’ ma in questi mesi, ne sono entrate anche 4 scatole nuove di cui una mi è stata regalata per il compleanno e tre le ho comprate io (una al mese). Per me averne più del dovuto non è un problema perché capitano giorni che ne bevo anche due o tre quindi sono prodotti che smaltisco facilmente e che bevo molto volentieri.

Ma il “problema” vero è il beauty perché in questi mesi ho continuato a comprare (non come facevo una volta) però mi sono resa conto che possiedo più del dovuto, soprattutto ultimamente ho comprato tante cose per la skincare. Quella per il beauty è una vera passione ma voglio provare a migliorarmi anche in questo campo perché prodotti da provare e di cui parlare ora ne ho molti.

In questo momento ho un obiettivo in particolare per cui vorrei risparmiare, se poi andrà in porto sarò molto contenta se non ce la farò mi troverò comunque un gruzzoletto di soldi da parte.

Questo è tutto quello che sono riuscita a fare in questo momento, spero di poter essere di motivazione anche per voi.

Voi avete un obbiettivo per cui state risparmiando?

Un bacio

Decluttering : 10 cose che puoi dar via subito (pt1)

Oggi vorrei parlare con voi di quando è facile fare declutterig.

Circa una volta ogni due mesi faccio il punto di quello che possiedo e non utilizzo (o non utilizzo più) ed elimino.

Eliminare non significa buttare, il primo passo è vedere se quel determinato oggetto è ancora in buono stato e lo metto da parte per venderlo al mercatino dell’usato, poi chiedo ad amici o parenti se può servire a loro e quindi lo regalo, se invece non è in buono stato ma può servire ancora a qualcosa lo dono (ad esempio ho dato un maglione molto rovinato ai volontari del gattile da usare come coperte per i gatti) in ultimo se non riesco a trovare usi alternativi lo butto.

Oggi vi parlerò di tutte le categorie di abiti che possono essere vagliate per eliminare qualcosa.

Partirei dall’intimo quindi calzini, mutande e reggiseni. Non ha senso tenere cose che non usiamo, cose che non mettiamo perché sono scomode, rovinate o rotte e non si riesce più ad aggiustare.

Poi passerei alle t-shirts, tutte quelle che non fanno parte delle tue preferite eliminale perché non le metterai mai e saranno sempre infondo all’armadio.

Passiamo ai pantaloni, tutti quelli che non ti vedi bene addosso, che sono troppo larghi o troppo stretti elimina tanto non li metterai. Qui menzionerei anche i pantacollant, elimina tutti quelli rovinati, magari con qualche buchino quelli scomodi perché a vita alta o a vita troppo bassa, quelli di colori che non metteresti più.

Per quanto riguarda i maglioni e le felpe valutiamo se le mettiamo, se ci piacciono perché non ha senso tenerle dicendole “non si sa mai…” perché equivale ad un non le metteremo mai.

Se parliamo di borse e zaini potete valutare voi cosa usate di più perché è inutile tenere tante borse se poi usate sempre gli zaini magari ne tieni una/due per le occasioni che ti va di usare una borsa me per il resto le dai via e liberi spazio.

È gli stessi discorsi li puoi attuare alle camicie e ai giubbotti.

Non sono ancora arrivata ad avere un guardaroba a capsula ma sicuramente nell’ultimo periodo ho ridotto molto gli acquisti valutando sempre prima quello che possiedo.

Un bacio

Le 12 cose che non comprerò nel 2019

Ho deciso di attuare un percorso più ecosostebile e (per quanto) possibile minimalista, quindi ecco le cose che non comprerò nel 2019.

Le categorie in cui mi voglio impegnare sono:

  • Beauty
  • Cucina/casa
  • Detersivi
  • Cartoleria

Per quanto riguarda il beauty non comprerò: maschere piedi, scrub viso e corpo, dischetti struccanti e salviette struccanti.

Per la cucina/casa non comprerò ulteriori tovaglie e canovacci, non comprerò altri attrezzi per fare i dolci e soprammobili vari.

Un buon proposito (arriverà l’articolo sui buoni propositi del 2019) è quello di autoprodurre qualcosa e quindi per quanto riguarda i detersivi non comprerò più il detersivo pavimenti e l’ammorbidente.

In ultimo parliamo di cancelleria, siccome vorrei usare tutto quello che possiedo, ho deciso che non comprerò più i washi tape e le penne colorate.

Io che amo le liste ho deciso di farne una anti-acquisto, magari riesco anche a risparmiare qualche soldo (si, Eli credici..)

Un bacio

Minimalismo? Sfida accettata

Ciao a tutti, qualche giorno fa navigavo un po’ per internet ed ho trovato un’idea che mi ha entusiasmato e che ho pensato di condividere con voi.

Una sfida sul minimalismo, 30 giorni di minimalismo.

Mi piacerebbe smettere di fare acquisti impulsivi e liberarmi di un po’ di cose inutili, perché diciamocelo tutti abbiamo un sacco di cose che teniamo in casa perché “non si sa mai..”

Premetto che io sono tutt’altro che minimalista ma è un argomento che mi sta incuriosendo molto in questo periodo e mi sto anche rendendo conto delle tante cose che possiedo, forse troppe.

Quindi in cosa consiste questa sfida:

Si inizia il primo del mese e ogni giorno ci si libera di un numero di oggetti pari al numero del giorno (fino al 30). Ovviamente gli oggetti non devono essere per forza buttati ma si possono vendere o regalare.

Io inizierò il primo di novembre e cercherò di portare avanti questa sfida fino a fine mese. Vedremo se sarà un successo, vi aggiornerò a fine novembre.

Voi ne avete mai sentito parlare di questa prova? L’avete mai fatta?

Un bacio